LA DIDATTICA INCLUSIVA: CREARE UN AMBIENTE STIMOLANTE E PRODUTTIVO

tempo di lettura ⏱4 minuti

“Forse il maggiore degli errori pedagogici è di credere che un individuo impari soltanto quel dato particolare che studia in quel momento. L’apprendimento collaterale, la formazione di attitudini durature o di repulsioni può essere, e spesso è, molto più importante”

[Dewey, Esperienza e educazione]
Continua a leggere

E-Learning: Il Centro Nazionale di Studi Classici mette a disposizione dei docenti il materiale per la preparazione di lezioni

“Una stamus, disiecti procumbimus”

In un momento di forte crisi internazionale come quello che stiamo vivendo, con le scuole chiuse in Italia e i docenti alle prese con la didattica a distanza, il Centro Nazionale di Studi Classici decide, al fine di favorire il lavoro dei docenti, di mettere a disposizione di tutti loro il materiale video e interattivo pubblicato nell’arco di questi due mesi, rendendolo pubblico.

Tutti i docenti potranno così usufruire liberamente, per creare le loro lezioni per gli studenti, del materiale da noi creato, finora disponibile solo per i nostri sostenitori su Patreon.

Al tempo stesso, per ovviare a questo cambio di programma e dare la possibilità di usufruire di materiale in numero sempre maggiore, la produzione di video aumenterà e passerà da 2 a 4 per settimana.

Non dubitiamo che coloro che già ci sostengono su Patreon capiranno che l’evolversi della situazione richiede un cambio di rotta in corsa, poiché docenti e studenti abbiano a disposizione materiale, finora non ancora molto diffuso per le lingue classiche, utile all’apprendimento nello sviluppo dell’E-Learning.

•Per vedere il materiale già pubblicato e quello in produzione

clicca qui

Giampiero Marchi
Alessandro Taglioli
Centro Nazionale di Studi Classici “GrecoLatinoVivo”


Articolo sul Vivarium Novum de L’Espresso: una lettera del Prof. Alessandro Agus

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera, il cui contenuto sposiamo completamente, del Prof. Alessandro Agus, direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Studi Classici, in cui, partendo dall’articolo del 4 Febbraio scorso apparso su L’Espresso, si mostra la genesi del Vivarium Novum, illustrando come il tutto nasca rendendo omaggio a Giorgio Punzo, filosofo che, muovendo da posizioni di disprezzo della donna e considerazioni omofobe, fu il primo teorizzatore delle dottrine olarreniche.

🇮🇹 PER LA LETTERA COMPLETA IN ITALIANO CLICCA QUI 🇮🇹


📚 HIC UT EPISTULAM LATINE CONSCRIPTAM LEGAS 📚


E se il Coronavirus fosse un’occasione per la scuola di domani?

Le ultime notizie ci parlano di una ulteriore settimana di chiusura delle scuole di tre regioni del Nord Italia, che salgono quindi a due. Alcuni docenti, consapevoli che i tempi sono stretti e la situazione andrà a ripercuotersi soprattutto sugli alunni, si stanno attrezzando in maniera, in molti casi, nuova.

Alcuni giorni fa è andata in onda una puntata speciale di Presa Diretta che ho potuto vedere solo grazie ai simpatici commenti in diretta di Vanverismo Pedagogico, pagina creata dal Prof. Cristiano Corsini, docente di Didattica Sperimentale a RomaTre, che mi ha reso la visione ben più digeribile di quanto non sarebbe stata altrimenti.

Durante tale puntata uno degli argomenti maggiormente toccati è stato, tra una Finlandia citata a sproposito e una soft skill, l’utilizzo delle tecnologie nella scuola, che però venivano presentate troppo spesso come una panacea che non può fermare il decadimento della scuola perché, signora mia, ai miei tempi era tutta un’altra cosa…

Continua a leggere

Avvicinare i giovani al latino: Ciceronis Filius [download]

tempo di lettura ⏱4 minuti

Già da alcuni anni, le direttive ministeriali prevedono che, insieme alla lingua latina, gli studenti abbiano contezza anche di quella cultura che l’ha generata: una difficoltà che spesso i docenti lamentano, per la scarsità del materiale presente sul mercato.
Un testo di un illustre latinista può però correre in loro aiuto.

Classificazione: 5 su 5.
Continua a leggere

Il latino che rivive in Italia

⏱ tempo di lettura: 3 minuti

Da alcuni anni si assiste ad una rinascita, da Nord a Sud, delle Lingue Classiche, con la creazione di numerosi Centri di Studio che divulgano le lingue classiche ad una platea sempre più attratta e curiosa.

Quando, ormai cinque anni fa, abbiamo dato vita a questo portale, primi in Italia a mettere al centro la riflessione didattica sul latino con una chiave divulgativa, non avremmo mai immaginato cosa sarebbe successo nell’arco di poco tempo.
Facebook era infatti un territorio ancora abbastanza neutro, in cui la politica si era appena affacciata, ed era un ambiente abbastanza sereno, privo di fake news e in cui ancora le sponsorizzazioni non avevamo preso troppo piede.

Per questo motivo era un ambiente ricettivo nei confronti delle proposte culturali, in una nicchia che si dimostrava interessata a quello che proponevamo e ancora proponiamo. Abbiamo fatto appena in tempo, prima che FB crollasse nelle iscrizioni, come i dati degli ultimi mesi dimostrano.

Inizialmente, però, molti nel nostro stesso ambiente non riconoscevano questo nuovo mezzo di comunicazione, quello social, come qualcosa che potesse essere utilizzato per mostrare ad una platea diversamente non raggiungibile un movimento, come quello che si interessa della didattica delle lingue classiche.

Oggi, cinque anni dopo, le cose sono cambiate, e stiamo assistendo ad una nascita di molti Centri di Studio e Ricerca, perlopiù privati, ma affiancati da Enti pubblici, che si occupano di latino portando avanti una didattica con metodi diretti di insegnamento o di divulgazione, collaborando con scuole e docenti che vi operano, che organizzano seminari ed eventi, che rendono nuovamente viva una lingua ritenuta troppo a lungo morta, camminando sulle impronte lasciate dalle Accademie degli Umanisti.

Qui presentiamo non solo le più importanti fra queste, ma anche quelle più aperte a sinergie e collaborazioni, fra di loro o con Università e Istituti presenti sul territorio: questo infatti è stato il valore aggiunto di questi nuovi poli culturali, che stanno cambiando lentamente e inesorabilmente il pensiero collettivo sulle lingue classiche, con una impennata di interesse tutto italiano che fino a qualche anno fa era inimmaginabile.

Continua a leggere

Il lavoro di squadra nell’apprendimento delle lingue classiche

Lo studio delle lingue classiche è tradizionalmente visto come un lavoro solitario dello studente con sé stesso e con il testo, ma cosa succede se applichiamo attività di squadra all’interno della consulta prassi didattica di queste materie? Il nostro Daniele Grillo, partendo da analisi generali, muove alcune riflessioni e qualche proposta.

tempo di lettura ⏱ 3 minuti

Se uno dei pilastri portanti dei metodi diretti per l’insegnamento delle lingue classiche è l’uso attivo della lingua, non bisogna dimenticarsi che per costruire una casa di pilastri ne servono molteplici; un progetto può diventare efficace solo grazie ad un sistema didattico, cioè ad un pluralità di elementi che aiutano l’apprendimento: il solo uso della lingua non può infatti essere completamente efficace senza una visione più ampia e sistemica.

Continua a leggere

Inaugurazione in Salento del Centro per la Didattica delle Lingue Classiche Νέα Ἀγωγή

⏱ tempo di lettura 2 minuti

Il giorno 6 Dicembre 2019 a Casarano (LE), alla presenza del Magnifico Rettore dell’Università del Salento Prof. Fabio Pollice, verrà inaugurato il Centro per la Didattica delle Lingue Classiche Νέα Ἀγωγή

Il progetto, che prende vita dopo le sperimentazioni degli ultimi anni guidate dal Prof. Giampiero Ruggiero e con attenzione seguite da Unisalento, si prefigura come punto nevralgico per tutta l’area geografica e tutto il Meridione per la sperimentazione e la ricerca didattica nel campo delle Lingue Classiche.

Interverranno inoltre il Prof. Saulo Maurilio Delle Donne, docente di didattica della lingua greca presso l’Università del Salento, il Prof. Giampiero Ruggiero, docente di latino e ideatore dell’omonimo metodo didattico, e il Prof. Giampiero Marchi, direttore del Centro Nazionale di Studi Classici GrecoLatinoVivo.

Durante l’inaugurazione non solo si parlerà di didattica e dei progetti del nuovo Centro, ma ci sarà soprattutto l‘occasione per discutere delle strade da prendere insieme per rendere le lingue classiche sempre più alla portata di un numero sempre maggiore di persone, attraverso una sinergia tra enti che desiderano impegnarsi su questo fronte, in un rinnovamento che è sentito comune ormai in tutta Europa.

Tra Νέα Ἀγωγή e GrecoLatinoVivo, dato il comune interesse nella ricerca didattica e nella sperimentazione, sono già infatti in fase di sviluppo numerosi progetti di collaborazione.

Il Prof. Giampiero Ruggiero infatti prenderà parte come formatore a LILIVM3, che si terrà a Firenze dal 26 al 29 Marzo 2020, per tenere un corso di didattica del greco antico destinato ai docenti.

La partecipazione all’inaugurazione del Centro Studi Νέα Ἀγωγή è su invito e a numero limitato.
Per prenotare potrete scrivere una email a info@grecolatinovivo.it.